Priorità al completamento delle opere incompiute: il Cipe approva la norma attuativa del Codice Appalti

È in arrivo il decreto attuativo del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) sulla programmazione triennale delle opere pubbliche: il Cipe (Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica),  attraverso una delibera pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale, ha accolto con favore la norma già approvata dal Consiglio di Stato lo scorso febbraio.

Secondo quanto contenuto nella bozza di decreto, le Pubbliche Amministrazioni avranno una maggiore responsabilità in fase di programmazione delle opere con l’obbligo di identificare preventivamente quelle rimaste incompiute, così da contenere ed efficientare la spesa pubblica.

Prima di definire il programma triennale dei lavori pubblici le PA dovranno inoltre valutare aspetti quali il riutilizzo ridimensionato, il cambio di destinazione d’uso, la cessione, la vendita o la demolizione.

La fase successiva sarà la stesura del piano, per il quale è prevista la suddivisione in schemi e schede che indicheranno chiaramente l’ammontare delle risorse necessarie per la realizzazione degli interventi previsti, l’elenco delle opere incompiute e la lista degli immobili disponibili che verranno ceduti o non saranno realizzati.

(fonte Edilportale.com)

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Richiedi info per un intervento









Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Richiedi Preventivo

Numero Verde

800.03.51.81

Contattaci

Scrivi e ricevi risposta entro 8h!

Start typing and press Enter to search